IL MUSEO APRIRÀ AL PUBBLICO
SABATO 2 APRILE 2022

Vuoi visitarlo?
Scrivici su prenotazioni@museostampamondovi.it

MUSEO CIVICO DELLA STAMPA mondovì

Dall’invenzione dei caratteri mobili alla digitalizzazione, passando per la stampa tipografica e quella artistica, diventa protagonista dell’allestimento museale multimediale articolato in sei sale al piano terra, due laboratori didattici e una tipografia a conduzione familiare al primo piano.

IL PROGETTO LIBER

LIBER è il progetto di riqualificazione del Polo Culturale delle Orfane che intende valorizzare il patrimonio storico monregalese legato al tema del Libro. La macchina da stampa, la carta stampata, il processo di dematerializzazione della cultura sono i vertici di un rombo che, assumendo riempimenti diversi, rappresenta i differenti ambienti dell’edificio. Si procede dal basso verso l’alto operando una “sottrazione di peso”: dal pieno al vuoto.

Il piano terra è occupato dal Museo Civico della Stampa, rappresentato dal rombo pieno che allude alla concretezza della materia metallica e alla tecnica. Il primo piano, con un rombo parzialmente pieno, è dedicato alla carta stampata e troveremo, quindi, il Fondo Storico e l’Archivio; qui il segno grafico, riempito di significato, diventa simbolo.

Il secondo e ultimo piano dell’edificio (da completare) ospiterà le Residenze d’artista, la leggerezza del pensiero è rappresentata dal rombo vuoto: lo spazio della rappresentazione non è de-finito dalla figura, ma dal tratto continuo della linea all’interno della quale si costruisce liberamente. 

Valorizzare e concentrare in un unico luogo l’inestimabile patrimonio storico-culturale legato al tema del libro, con la riqualificazione e rifunzionalizzazione dell’ex collegio delle Orfane

Il MUSEO

ll MUSEO CIVICO DELLA STAMPA occupa il piano terra dell’Ex Collegio delle Orfane, edificio del XVII secolo, sede dei padri Carmelitani Scalzi e Collegio delle Orfane dal 1802 fino al 1927.

La storia della stampa, dall’invenzione dei caratteri mobili alla digitalizzazione, passando per la stampa tipografica e quella artistica, diventa protagonista dell’allestimento museale multimediale articolato in sei sale al piano terra, due laboratori didattici e la ricostruzione di una tipografia a conduzione familiare al primo piano.

Il Museo della Stampa è identificato dalla presenza di un rombo pieno che allude alla concretezza del metallo delle macchine da stampa.
Andiamo incontro al “piombo” e osserviamo da vicino le macchine che, attraverso la diffusione della carta stampata, hanno reso possibile la rivoluzione della comunicazione.

Clicca un punto sulla mappa per scoprirne i contenuti

SALA 1

La stampa tipografica

L’introduzione della stampa tipografica ha cambiato la storia della cultura e ha sancito il passaggio dal Medioevo all’Età Moderna.

“L’invenzione della stampa è il più grande avvenimento della storia. È la rivoluzione madre. È il modo di espressione dell’umanità che si rinnova totalmente...”

Victor Hugo

SALA 2

Gutenberg e i caratteri mobili

“I caratteri sono gli atomi dell’editoria, l’elemento base della comunicazione stam- pata, come i mattoni per l’ar- chitettura o le note per la mu- sica. Tutti li vedono, ma raramente qualcuno li guar- da”. “La stampa svincolò il libro e lo liberò. Il libro, a sua volta, tentò di liberare l’uomo."

Fernand Cuvalier

SALA 3

La produzione e la composizione meccanica dei caratteri mobili

Per compiere una rivoluzione è utile, se non proprio necessario, cambiare il proprio punto di vista e abbandonare l’approccio più logico. L’invenzione della Linotype si basa su questo assunto. “La Linotype è l’ottava meraviglia del mondo”

Thomas Edison

SALA 4

Gli sviluppi della stampa tipografica

Alla fine del XIX secolo l’introduzione della mac- china a vapore e dell’elettricità accelera i processi produttivi e favorisce la creazione delle filiere specializzate come quella della tipografia industriale.

SALA 5

La stampa artistica e le tecniche per la riproduzione delle immagini

Parallelamente alla diffusione della stampa tipografica vennero perfezionate le tecniche per riprodurre in più copie anche le immagini. Esse sono la xilografia, che utilizza una matrice in legno incisa “in rilievo”; la calcografia, che impiega una matrice in metallo incisa “in incavo”, la litografia, che impiega come matrice un tipo di pietra calcarea sulla quale è possibile disegnare “in piano”.

SALA 6

La fine dell’epoca del piombo e la rivoluzione digitale

Nel 1875 in Inghilterra venne brevettata una tecnica di stampa indiretta chiamata Offset. Essa permetteva di trasportare su un cilindro di caucciù un’immagine o un testo scritti su una pietra litografica e di trasferirli poi sulla carta. Più tardi la pietra litografica verrà sostituita da una lastra in zinco e poi dalla pellicola fotografica. L’epoca del piombo e della stampa a rilievo stava per finire.

Mostre
temporanee

Sala
audio/video

Area
ingresso

Laboratorio tipografico "Roberto Masante"

SALA 1

La stampa tipografica

SALA 2

Gutenberg e i caratteri mobili

SALA 3

La produzione e la composizione meccanica dei caratteri mobili

SALA 4

Gli sviluppi della stampa tipografica

SALA 5

La stampa artistica e le tecniche per la riproduzione delle immagini

SALA 6

La fine dell'epoca del piombo e la rivoluzione digitale

Ciao, sono Type! Un tipo di carattere.

"Ho la testa dura e mobile e sono proprio tutto d'un pezzo. Negli anni ho subito tante trasformazioni, ma sono sempre all’altezza delle situazioni. All’ingresso di ogni sala mi vedrete comparire: 
rivelerò titolo e contenuto di sala e le postazioni da raggiungere per consultare, giocare, osservare quello che andiamo a raccontare."

VISITARE IL MUSEO

ORARI DI APERTURA

Giovedì e venerdì 14:00 – 18:00 (ultimo ingresso ore 17:00)
Sabato, domenica e festivi  10:00 – 19:00 (ultimo ingresso ore 18:00)

Il museo è visitabile in autonomia.
La visita guidata è disponibile, su prenotazione, il sabato, la domenica e nei festivi alle ore 11:00, 15:00, 17:00.

L’ingresso è da Piazza d’armi 2/E.
L’accesso per persone con disabilità è da Via Emanuele Filiberto 20.

BIGLIETTI

INTERO

€ 7,00
Visita in autonomia al piano terra

RIDOTTO 1

€ 5,00
Over 65 anni
15-18 anni
Studenti universitari fino a 26 anni con tesserino
Possessori dei biglietti di INFINITUM (Mondovì), MUSEO DELLA CERAMICA (Mondovì), TORRE DEL BELVEDERE (Mondovì), MAGNIFICAT (Vicoforte)
Giornalisti muniti di tessera professionale
Gruppi superiori alle 12 persone / su prenotazione scrivendo a prenotazioni@museostampamondovi.it

RIDOTTO 2

€ 4,00
6-14 anni
Scuole
Dipendenti Comune di Mondovì

GRATUITO

0-5 anni
Possessori Abbonamento Musei Piemonte
Persone con disabilità e relativi accompagnatori
Guide turistiche abilitate

TABLET

+ € 2,00
Per visualizzare le animazioni delle macchine da stampa e contenuti aggiuntivi / prezzo a persona

VISITA GUIDATA

+ € 3,00
Visita guidata al piano terra e al piano primo
Prezzo a persona / durata 1 ora / solo sabato e domenica ore 11:00, 15:00, 17:00 / per massimo 8 persone / su prenotazione scrivendo a prenotazioni@museostampamondovi.it

PACCHETTO FAMIGLIA

Per minimo 3 persone: ingresso omaggio per un bambino (6-14 anni)

PACCHETTO FAMIGLIA CON VISITA GUIDATA

Per minimo 3 persone: ingresso con visita guidata omaggio per un bambino (6-14 anni)

LABORATORI

Cuore pulsante del museo saranno il laboratorio di tipografia, intitolato a Roberto Masante, e il laboratorio di stampa d’arte e grafica, intitolato al maestro dell’incisione Francesco Franco.
I due spazi, che per dimensioni e macchinari disponibili rappresentano un unicum a livello regionale, verranno valorizzati con un ricco programma di eventi e laboratori pensati per scuole di ogni ordine e grado ma anche workshop per grandi appassionati del mondo della stampa.

contattI e prenotazioni

Per richiedere maggiori informazioni compila la form di contatto

II Museo Civico della Stampa, ospitato nel Palazzo seicentesco delle Orfane, conserva la più completa raccolta pubblica di macchine e attrezzature per la stampa esistente in Italia.
Il Museo è gestito da noau | officina culturale.

VIENI A TROVARCI

Privacy Policy | Cookie Policy | © Doconline/Associazione Culturale NOAU – Tutti i diritti riservati
p.iva 03668760048